bandiera italiana bandiera russa
logo associazione Italia-Russia

Associazione culturale Italia-Russia

La bellezza salverà il mondo / Мир спасет красота

Fëdor Michajlovic Dostoevskij / Фёдор Михайлович Достоевский

Fontana di Mosca

Attività istituzionali e servizi per i soci

ANNO SOCIALE CORRENTE

Servizi in essere:

  • Corsi intensivi e annuali di lingua e cultura russa di ogni grado: per principianti, elementare, intermedio, avanzato e di perfezionamento.
  • Cicli di lezioni individuali e intensivi. Lezioni individuali di italiano per persone di madrelingua russa.
  • Attestati e diplomi dell’Associazione culturale Italia-Russia.
  • Ausilio didattico e prestito gratuito di materiale didattico e culturale.
  • Corsi speciali per studenti universitari e ausilio tesi.
  • Спецкурсы: Corsi di perfezionamento con lettori madrelingua, corsi di conversazione e lettura classici.
  • Театр: Laboratorio di teatro e di canto folcloristico.
  • Русский чай: Incontri con conversazioni su argomenti di cultura russa e visione di film.
  • Biblioteca con prestito gratuito fino a 15 gg. di testi di letteratura russa in lingua originale e in italiano.
  • Videoteca con prestito gratuito fino a 15 gg. di film e documentari russi in lingua originale e in italiano.
  • Organizzazione seminari di lingua russa nelle Istituzioni Universitarie a Mosca o a S. Pietroburgo: residenza in famiglia o nella casa dello studente.
  • Serate di manifestazioni culturali e feste proposte nei vari periodi dell’anno: Vecchio Capodanno russo, 8 marzo, apertura e chiusura dei Corsi di Lingua russa presso la sede dell’Associazione con buffet, spettacoli e concerti di musica russa.
  • Degustazione di piatti tipici russi e toscani, in occasione dei nostri rinfreschi.
  • Organizzazione di comitive in occasione di mostre e di manifestazioni culturali.
  • Sconti per concerti, opere e balletti in occasione di spettacoli russi al Teatro della Pergola, al Teatro del Maggio Musicale e al Teatro Metastasio di Prato.

Breve storia

L’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze (già Italia-URSS), affiliata alla fondazione Italia-Russia-CSI con sede a Roma, opera da più di mezzo secolo sul territorio cittadino e regionale e, unica a Firenze, si dedica ad un’opera tenace e paziente di diffusione della lingua e della cultura russa. Svolge attività di promozione di scambi culturali con enti universitari a Mosca e a S. Pietroburgo e, con mezzi minimi e una vasta attività di volontariato, opera quale veicolo di conoscenza tra il popolo italiano e quello russo.

L’Associazione fu fondata nel 1946 e da quella data fino all’anno 1997 ha avuto la propria sede nel Palagio di Parte Guelfa.

Importante è stato il ruolo svolto dall’Associazione nel periodo della guerra fredda, promuovendo scambi scientifici e culturali e adoperandosi con il sindaco La Pira per il gemellaggio Firenze-Kiev.

I rapporti di stretta collaborazione esistenti tra l’Associazione e il Comune di Firenze risalgono agli anni 1950, quando a Firenze, in Palazzo Vecchio, si tenne il convegno sugli studi scientifici nell’URSS, prima vera occasione di contatto tra la cultura italiana e quella sovietica dopo lunghi decenni di silenzio. La collaborazione con il Comune di Firenze e l’Associazione Italia-Russia è proseguita nel corso dei decenni e ha portato alla realizzazione di mostre, convegni, incontri, settimane dell’amicizia e scambi di delegazioni.

Dopo un faticoso periodo di transizione, dovuto alla fine dell’URSS e ai radicali mutamenti che ne sono seguiti, l’Associazione ha intessuto nuovi e fecondi rapporti con la Comunità degli Stati Indipendenti e con gli enti culturali nelle principali città russe.

Nel 1996 l’Associazione ha festeggiato il cinquantenario dalla fondazione con:

  1. Un ciclo di musica da camera russa nella Sala Vanni al Carmine di Firenze, con la partecipazione della soprano Claudia Hasslinger e accompagnamento al pianoforte del maestro James Grey (lieder e arie di opere russe di compositori quali Cajkovskij, Rahmaninov, Musorgskij e Stravinskij).
  2. Due concerti di musica corale, con la partecipazione del coro della Schola Cantorum “Francesco Landino” della Scuola di Musica di Fiesole e del coro “Marco da Gagliano” della Chiesa di Santa Maria Novella. Il coro “Francesco Landino” ha eseguito canti classici russi di Shostakovic e pezzi sacri di Stravinskij, intercalati da letture di testi poetici russi; il coro “Marco da Gagliano” ha cantato brani tratti dalla tradizione corale russa dei secoli passati, illustrandone i testi. I Concerti corali della Scuola di Musica di Fiesole e del Coro “Marco da Gagliano” sono stati eseguiti nella Chiesa Ortodossa Russa di Firenze.
  3. L’Ensemble vocale “Barbara Strozzi” con musiche rinascimentali fiorentine e canti popolari russi nel concerto “Da Firenze alla Russia” e il pianista Giampaolo Nuti e Daniela De Santis hanno eseguito musiche pianistiche russe a quattro mani.
  4. Un ciclo di conferenze sull’arte, la musica e la cultura russa tra giugno e novembre 1996 ha completato le manifestazioni per il 50° della Fondazione dell’Associazione Italia-Russia di Firenze.

Dal 1997, in seguito alla necessità da parte del Comune di Firenze di rientrare in possesso dei locali del Palagio di Parte Guelfa, l’Associazione culturale è stata trasferita nei locali di Palazzo Rinuccini, in via S. Spirito 41; è stata stipulata una nuova convenzione con il Comune di Firenze per una ulteriore proficua collaborazione a livello culturale per la promozione della cultura russa nella città di Firenze.

Dal 17 Giugno 1998, in base al nuovo Statuto, l’Associazione rientra nella nuova normativa (D.L 4-12-1997 no. 460) in tema di Enti associativi non commerciali in quanto Associazione culturale senza fini di lucro.

Nella nuova sede l’Associazione continua la propria attività di servizio di informazione, biblioteca, video e audioteca con notevole affluenza di cittadini, studiosi, studenti universitari e cittadini russi residenti o ospiti della nostra città.

Vengono programmati e svolti regolarmente corsi annuali di lingua russa a tutti i livelli. Presso la sede di via S. Spirito si trova un’importante biblioteca con più di 3000 volumi (classici russi, storia, geografia, enciclopedie ecc.) in lingua russa, oltre a un numero consistente per quantità e qualità di riviste originali e un archivio cinematografico.

Tutti gli anni, all’inizio e alla conclusione dei corsi di lingua russa, vengono organizzate manifestazioni culturali: conferenze, teatro, musica e rinfresco per i soci, i presidenti onorari e gli amici dell’Associazione.

Nel 1999 l’Associazione dedica il proprio anno didattico alla memoria del poeta russo Puskin.

In giugno nella sede dell’Associazione si sono svolte tre giornate dedicate al poeta, alle quali hanno partecipato con interventi docenti universitari, insegnanti dell’Associazione e docenti russi, la Chiesa russa ortodossa di Firenze con un intervento del padre Georgij e una liturgia in onore del poeta nella Chiesa Ortodossa in via Leone X a Firenze.

Nel cortile del Palazzo Rinuccini è stata rappresentata, in occasione del bicentenario della nascita del poeta russo e quale manifestazione finale dell’anno sociale-didattico 1998 – 1999, la “Dama di picche”, adattamento teatrale dall’omonimo racconto lungo di Puskin, a cura degli allievi e degli insegnanti dell’Associazione.

La piece, con accompagnamento di canti corali russi, è stata interamente recitata dagli allievi in lingua originale come saggio finale del corso di Teatro 1998-1999, ed è stata replicata il 6 Novembre 1999 presso la ex chiesa di S. Carlo dei Barnabiti di Firenze.

Dalla sua costituzione nel 1994 l’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze, ente non commerciale senza fini di lucro, prosegue la propria attività culturale e nel 1997, per gentile concessione del Comune di Firenze in base alla convenzione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze, trasferisce la propria sede da via di Capaccio, 1 a via S. Spirito, 41. Continuano e si intensificano le manifestazioni inerenti alla cultura, l’arte, il teatro, la musica e la lingua russa che si svolgono sia nella sede dell’Associazione Italia-Russia che fuori sede, presso istituzioni scolastiche e pubbliche fiorentine e toscane.

L’11 dicembre 1998, in collaborazione con le ACLI e i Giovani popolari italiani, si è tenuta la conferenza-dibattito “PIANETA RUSSIA: RICORDI DEL PASSATO, SFIDE DI OGGI” presso il Teatro di Cestello.

Durante l’anno 1999 è stata realizzata una collaborazione con il Quartiere 3 nell’ambito del “Laboratorio interculturale – attività integrative” tenuto da un nostro operatore di madrelingua.

In seno all’Associazione viene fondato, nel 1999, un laboratorio teatrale in cui i soci dell’Associazione sotto la direzione della attuale Vicepresidente del Consiglio Direttivo, dr. Gabriella Tozzetti, mettono ogni anno in scena spettacoli tratti dal teatro e dai romanzi classici russi dell’800 e del ’900.

A febbraio del 2000 si è svolto, presso il Liceo Russell-Newton, una conferenza–incontro, dedicata al tema “La Russia prima e dopo il muro di Berlino” con le Prof.sse Nadezda Nikitina e Valeria Salvini.

Nel 2001, sotto la direzione della attuale presidente del Consiglio Direttivo dr. Valeria Salvini e la cantante Katja De Sarlo viene fondato l’Ensemble corale “Yvushka” che si esibisce ogni anno in occasione delle festività russe e italiane, nella sala della biblioteca dell’Associazione e, su invito, in circoli culturali a Firenze e fuori Firenze (nel 2005 nel Palazzo di vetro a Lucca, nel 2008 e 2009 nel Chianti, nel 2010 in collaborazione con l’Unicef nella Sala della Cassa di Risparmio di Firenze per dare sostegno ai bambini terremotati di Haiti, nel 2014 presso l’Associazione “Il villaggio”-ARCI di Scandicci per un concerto di beneficenza per Emergency di Gino Strada).

Nell’ambito della collaborazione con l’Associazione culturale di Mosca “Firenze” sono state realizzate, nel 2002, incontri di delegazioni russe presso la Regione Toscana all’interno dei quali è stata sottolineata l’importanza di Firenze nell’ambito culturale internazionale.

Nel 2006 l’Associazione Italia–Russia aderisce al progetto dello SDIAF per il sistema integrato degli Archivi in rete. Prosegue il lavoro di catalogazione del patrimonio della biblioteca dell’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze (oltre 3000 volumi), da sempre oggetto di attenzione e consultazione da parte di istituti culturali scientifici e pertinenti il mondo della letteratura, del teatro, della musica e dell’arte, nonché di ricerche di singoli studiosi. Nel 2006 viene anche stipulata una convenzione di tirocinio di formazione e orientamento con L’Università degli Studi di Firenze, per dare la possibilità agli studenti universitari di effettuare stage all’interno dell’Associazione.

Dal 2009 L’Associazione culturale Italia-Russia è iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Provincia di Firenze quale ente di promozione sociale.

Dal 2010 a data odierna, nei mesi di ottobre e aprile, l’Associazione accoglie le classi IV e V del liceo Machiavelli con i loro professori per lezioni di approfondimento della geografia, storia e cultura russa.

Dal 2011, in seguito alla delibera N. 2006/G/00452-2006/00560 in cui la Giunta comunale di Firenze ha ratificato l’adesione dell’Associazione Italia-Russia allo SDIAF, l’associazione Italia-Russia è presente in rete con la catalogazione dei volumi inerenti la letteratura classica russa presenti nella sua biblioteca, ai fini di una maggiore valorizzazione del patrimonio librario, creatosi attraverso donazioni da parte di Istituti di cultura dell’ex URSS e da parte di privati cittadini. Nel 2012 (14 settembre 2012) l’associazione firma un accordo di sostegno e di collaborazione al progetto organizzato dal Comune di Firenze – Direzione cultura – Servizio politiche giovanili per la diffusione delle informazioni relative alla propria attività e a quelle promosse dall’Ufficio Informagiovani e ad una futura collaborazione nella progettazione di eventi inerenti alle attività con il mondo giovanile. Sempre dal 2012, in ottobre tutti gli anni, l’associazione culturale Italia-Russia partecipa con eventi culturali e aperture straordinarie della propria biblioteca alla manifestazione organizzata dalla Regione Toscana “In biblioteca perché c’è il futuro della tua storia”. Il 27 novembre del 2012 su RAI 3 l’Associazione partecipa alla trasmissione dell’accesso televisivo regionale con un programma dal titolo “Un angolo di Russia nel cuore di Firenze”. Durante il programma la vicepresidente Dott.ssa Gabriella Tozzetti illustra la storia dell’Associazione Italia-Russia fin dalla sua fondazione come Italia-URSS nel 1946 e Italia-Russia dal 1994 e il suo contributo alla promozione dei rapporti culturali tra Italia e Russia.

L’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze organizza frequentemente visite guidate a mostre inerenti alla cultura e all’arte russa. Così, ad esempio, nel 2006 è stata organizzata una gita a Peccioli per visionare la mostra “Saliere dello zar”, nel 2012 i soci si recano a Pisa per la mostra del grande pittore Kandinsky, nel 2013 viene organizza una visita guidata per i soci dell’Associazione alla mostra “L’avanguardia russa, la Siberia e l’Oriente” al Palazzo Strozzi di Firenze e, sempre a dicembre del 2013 l’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze, con il patrocinio della provincia di Firenze, organizza nella Galleria Via Larga a Firenze la mostra “Case decorate delle Russie” dell’Artista Gabriele Casarosa. I soci dell’Associazione usufruiscono regolarmente di sconti per biglietti per il Teatro alla Pergola, Il Maggio Musicale e il Teatro Metastasio, in occasione di concerti, opere e balletti di compositori russi.

Nella sede dell’Associazione, in sala biblioteca, oltre a concerti di musiche russe e spettacoli di teatro russo, a cura dei laboratori di teatro e canto dell’Associazione, si tengono ogni anno varie conferenze inerenti il soggiorno e la presenza di grandi personaggi russi a Firenze nel passato (quali, ad es. Demidoff, Dostoevskij, Cajkovskij) e conferenze sulla storia e la geografia della Russia. Ultima, in questo senso, è stata, il 19 gennaio 2014 la conferenza “La ferrovia transiberiana, appunti di viaggio” a cura di Sergio Luzzi, del Comitato d’onore dell’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze.

Negli anni 2014, 2015 e 2016 sono proseguiti gli incontri di cultura russa con spettacoli teatrali, concerti e seminari di arte russa. Due di loro meritano particolare menzione: il Concerto per soprano, mezzosoprano e pianoforte con musiche di Rahmaninov, Cajkovskij e Rimskij Korsakov “Leggerezza, libertà e passioni al femminile” nell’ambito delle tradizioni di canto in Russia, Italia e Spagna del 8 marzo 2014 in occasione della Festa internazionale della Donna; le celebrazioni in memoria del grande poeta russo Mihail Lermontov per i 200 anni dalla sua nascita il 15 ottobre 2014, con conferenze e proiezioni di diapositive sulla sua vita, sulle sue opere pittoriche e sui dipinti a lui dedicati nel XIX, XX e inizio XXI secolo in Russia, nonché con lettura di poesie e romanze russe per voce e pianoforte di compositori russi basate sulle sue liriche.

Il 27 aprile 2014 nel Teatro Moderno di Agliana, con il patrocinio del Comune di Agliana, la compagnia teatrale “Russkaja Florencija” dell’Associazione ha presentato lo spettacolo “Cuore di cane” tratto dall’omonimo romanzo di M. Bulgakov. Il 18 maggio 2014 l’Associazione ha partecipato con un Concerto di Canti popolari russi alla Festa di solidarietà a favore di Emergency a Scandicci. Nel 2015 (27 aprile) si ricorda la collaborazione dell’Associazione con il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze in onore del grande compositore russo A. N. Skriabin con la conferenza “La Russia al tempo di Skriabin” tenuta dallo storico d’arte dr. Bliznyukov del Consiglio direttivo dell’Associazione. Sempre nel 2015, oltre all’aperitivo musicale (7 marzo) con musiche per canto e pianoforte e pianoforte a quattro mani nella sede dell’Associazione, il 12 giugno 2015 il coro Yvushka e la compagnia teatrale dell’associazione hanno partecipato all’evento “Ho deciso di tornare” per bambini russi adottati, organizzato dall’associazione “Il giardino dei Ciliegi” e il 12 dicembre, durante la Festa prenatalizia, nella sede dell’Associazione sono stati allestiti spettacoli tratti dal Teatro classico russo con canti popolari e tradizionali.

Nel 2016 l’Associazione culturale Italia-Russia ha festeggiato i suoi 70 anni di attività a Firenze con l’esecuzione di canti russi e sovietici popolari e patriottici delle regioni di Mosca e del Volga e gli inni italiano, sovietico e russo alla presenza di più di 70 soci e ospiti russi della città di Firenze. Il teatro russo dell’associazione ha allestito inoltre lo spettacolo “A tu per tu con Cehov” al Teatro La Fonte e per la settimana delle Associazioni culturali nella Galleria delle Carrozze in via Cavour è stato presentato lo spettacolo “La domanda di Matrimonio” di A. P. Cehov. Infine, il 24 novembre 2016, l’Associazione Italia-Russia ha concluso i festeggiamenti In occasione del suo 70° anniversario (1946-2016) al Palazzo Rucellai con un bel Concerto di Musica classica russa (Mussorgskij e Rahmaninov) con la pianista Natascha Majek, in collaborazione con l’Associazione degli Studi Internazionali in Firenze e con un concerto di canti popolari tradizionali russi in costume tradizionale l’11 dicembre 2016.

L’Associazione offre un servizio di prestito gratuito ai soci di tutto il materiale bibliografico presente nella sede dell’Associazione. La biblioteca dell’Associazione culturale Italia-Russia è una biblioteca specialistica di circa 3000 volumi di letteratura classica russa, storia russa, arte russa antica e moderna, cinema, teatro e musica. Specializzata per cultori della lingua e cultura russa e per persone di madrelingua russa, ospiti o residenti a Firenze, la biblioteca possiede anche un ricco archivio di riviste dell’era sovietica, riviste e giornali moderni e racconti e romanzi. Al 2014, 2100 dei circa 3000 volumi presenti sono stati inseriti nel database OPAC del Sistema Documentario Integrato Area Fiorentina. La ricerca dei titoli può essere comodamente effettuata online tramite la pagina del catalogo collettivo SDIAF.

Per ogni ulteriore informazione rispondiamo al 055-294220 o per email a: italiarussiafirenze@gmail.com.

Statuto dell’Associazione culturale Italia-Russia di Firenze

Art. 1) L’Associazione italiana per i rapporti culturali con i popoli della Federazione Russa, Ucraina, Uzbekistan, Kazakhstan, Bielorussia, Azerbaigian, Georgia, Tadgikistan, Kirgisia, Moldavia, Lituania, Armenia, Turkmenia, Lettonia, Estonia, denominata “Associazione Italia-Russia” è una associazione culturale costituita come ente associativo non commerciale e senza scopo di lucro in Italia che ha come scopo di promuovere la cultura e l’arte di questi Stati Sovrani e viceversa di far conoscere ai popoli di questi Paesi la realtà italiana in tutti i campi della cultura, della scienza, della tecnica e della economia e in particolare il patrimonio artistico della città di Firenze e della Toscana.

L’associazione, ritenendo essenziale lo sviluppo dell’amicizia e della collaborazione fra i popoli, può aderire ad ogni manifestazione e movimento che si propongano tali obiettivi, nello spirito della Costituzione dei rispettivi paesi, della Carta dell’O.N.U e dei trattati di amicizia e collaborazione tra l’Italia e i suddetti Stati Sovrani.

L’Associazione ha durata indeterminata.

Art. 2) L’Associazione, ai fini e per il raggiungimento degli scopi di cui all’articolo precedente avrà come finalità principale l’organizzazione di tutte le attività che si riterranno necessarie alla promozione della conoscenza della lingua russa, della scienza, della tecnologia, dello sport, del folklore e dell’arte degli Stati Sovrani dell’ex Unione Sovietica nonché della cultura e del patrimonio artistico italiano e di Firenze e della Toscana in particolare nei confronti di cittadini, Enti e Istituzioni residenti nei paesi dell’ex Unione Sovietica.

Tali attività potranno realizzarsi tramite seminari e incontri di studio, mostre, concerti e spettacoli inerenti alla promozione e alla conoscenza delle tradizioni culturali dei paesi dell’ex Unione Sovietica presso la sede della Associazione e in altre sedi ritenute idonee per il conseguimento delle finalità associative.

L’Associazione potrà diffondere libri e periodici, patrocinare incontri, convegni, rassegne.

L’Associazione potrà anche gestire biblioteche e più in generale svolgere attività diretta allo scambio di conoscenze di esperienze in tutti i campi delle rispettive culture e dei reciproci interessi economici e sociali.

L’Associazione non potrà svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle ad esse strettamente connesse o di quelle accessorie in quanto integrative delle stesse di cui all’art. 3)

Art. 3) L’Associazione in diretta attuazione degli scopi istituzionali o come accessorie degli stessi potrà svolgere attività effettuate verso un pagamento di corrispettivo specifico nei confronti di iscritti, associati e partecipanti, di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento, atto costitutivo o statuto fanno parte di un’unica organizzazione locale o nazionale, dei rispettivi associati e partecipanti delle rispettive organizzazioni nazionali. L’Associazione potrà altresì cedere anche a terzi, prevalentemente associati, le proprie pubblicazioni.

Potrà inoltre promuovere con ogni mezzo viaggi culturali in questi paesi e facilitare soggiorni in Italia di cittadini di questi Stati Sovrani.

Art. 4) Possono aderire alla associazione persone fisiche e giuridiche, Enti non riconosciuti e Comitati, rappresentanze di Enti produttivi, professionali e sociali italiani e stranieri, a condizione che non si prefiggano fini di lucro.

Per essere ammessi come soci occorre presentare al Consiglio Direttivo la domanda che deve contenere:

a) indicazione del cognome, nome, luogo e data di nascita, residenza, qualifica professionale; ovvero del nome dell’Ente, della sede e delle generalità e qualifiche della persona designata a rappresentarla presso l’Associazione.

b) la dichiarazione di condividere le finalità che l’Associazione si propone e l'impegno di approvarne e osservarne lo Statuto, regolamenti e deliberazioni degli organi sociali;

c) l’obbligo di pagare le quote sociali e gli altri eventuali contributi associativi nella misura stabilita dal Consiglio Direttivo. Al momento dell’iscrizione il socio riceverà la tessera sociale, unico documento idoneo a qualificarlo come socio dell’Associazione “Italia-Russia” ed a operare come tale.

Sono previste le seguenti categorie di soci:

a) Soci fondatori: sono coloro che hanno partecipato alla costituzione dell’associazione ovvero ai quali venga riconosciuta tale qualifica dal Consiglio Direttivo entro sei mesi dalla costituzione medesima;

b) Soci effettivi: sono i soci che, per la loro esperienza e qualificazione professionale, costituiscono la struttura portante dell’associazione e forniscono l’apporto essenziale per l’attività e lo sviluppo della medesima. Nel loro ambito il Consiglio Direttivo può nominare uno o più soci coordinatori, scelti fra gli operatori culturali, sociali ed economici che siano dotati di adeguata esperienza professionale specifica e che diano opportune garanzie di contribuire, in tale veste, al migliore raggiungimento degli scopi sociali.

La qualità di socio si perde per:

- non rinnovo della quota annuale;

- dimissioni volontarie;

- esclusione, determinata dal Consiglio Direttivo qualora si verifichino i presupposti di cui al successivo art. 6);

- decesso.

La perdita delle qualità di socio comporta automaticamente la decadenza delle eventuali cariche sociali coperte.

Art. 5) L’adesione alla associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo fermo restando in ogni caso il diritto di recesso. L’adesione alla Associazione comporta per l’associato maggiore di età il diritto al voto nell’assemblea per l’approvazione e le modifiche dello statuto e dei regolamenti per la nomina degli organi direttivi della associazione.

La divisione degli associati nelle categorie di cui all’art. 4) non implica alcuna differenza di trattamento tra gli associati stessi in merito ai loro diritti nei confronti dell’associazione. Ciascun associato in particolare ha diritto a partecipare effettivamente alla vita della associazione.

L’Associato si impegna ad agire nella vita sociale per la buona immagine dell’associazione.

I soci hanno diritto:

a) a partecipare, rispettando le norme specifiche, a tutte le attività promosse dalla associazione;

b) a eleggere gli organi dirigenti ed essere eletti dagli stessi.

I soci sono tenuti:

a) al pagamento della quota sociale annuale, nella misura fissata dal Consiglio Direttivo;

b) a rispettare il presente statuto, gli eventuali regolamenti interni approvati dagli organi competenti e tutte le deliberazioni degli organi sociali.

c) ad impegnarsi ad agire nella vita sociale per la buona immagine della Associazione;

d) in presenza di inadempienza agli obblighi di versamento di quote e di contributi sociali o in presenza di altri gravi motivi chiunque partecipi all’associazione può essere escluso con deliberazione del Consiglio Direttivo. L’esclusione ha effetto dal giorno successivo alla notifica del provvedimento di esclusione.

Art. 6) Il Consiglio Direttivo può deliberare provvedimenti disciplinari nei confronti del socio:

a) che in qualunque modo danneggi moralmente o materialmente l’associazione, oppure fomenti dissidi e disgregazione tra i soci;

b) che tenga un comportamento e svolga attività che siano in contrasto con i principi o in concorrenza con le iniziative e finalità della associazione.

c) che non osservi le disposizioni dello statuto o degli eventuali regolamenti interni o comunque le deliberazioni degli organi sociali.;

d) che, senza giustificati motivi, non adempia puntualmente agli obblighi assunti a qualunque titolo verso l’associazione.

I provvedimenti disciplinari consistono: nel richiamo scritto o orale, nella sospensione e nell’esclusione dalla associazione.

Art. 7) L’Associazione “Italia-Russia” ha sede in Firenze, via S. Spirito 41 e può essere allargata a Sezioni e circoli territoriali che, tramite un loro coordinatore, faranno direttamente riferimento alla sede centrale.

Art. 8) Gli organi della associazione “Italia-Russia” sono:

a) l’assemblea dei soci;

b) la Presidenza onoraria;

c) il Consiglio Direttivo;

d) il Presidente del Consiglio Direttivo;

e) il Vice-Presidente del Consiglio Direttivo.

L’elezione degli organi della associazione non può essere in alcun modo vincolata o limitata ed è informata ai criteri di massima libertà di partecipazione all’elettorato attivo e passivo. Le modalità delle elezioni verranno disciplinate dal Regolamento interno.

Art. 9) L’Assemblea rappresenta l'universalità dei soci e le sue deliberazioni, prese in conformità della legge e del presente statuto, obbligano tutti i soci ancorché non intervenuti o dissenzienti.

L’assemblea si riunisce almeno una volta l’anno per la discussione e l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo, della relazione finanziaria e delle linee programmatiche della associazione.

Essa inoltre provvede alla nomina del Consiglio Direttivo, delinea gli indirizzi generali della attività della associazione, delibera sulle modifiche del presente statuto, approva i regolamenti che disciplinano lo svolgimento dell’attività della associazione, delibera sull’eventuale destinazione di utili di gestione, comunque denominati nonché di fondi riserve o capitale durante la vita della associazione stessa, qualora ciò sia consentito dalla legge e dal presente statuto.

Delibera lo scioglimento e la liquidazione della associazione e la devoluzione del suo patrimonio. L’assemblea è convocata dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno oppure ne sia fatta richiesta da almeno due consiglieri o da almeno dieci associati.

La convocazione è fatta mediante lettera inviata senza raccomandazione da spedirsi almeno quindici giorni prima del giorno fissato per l’assemblea. La convocazione sarà inoltre affissa presso la sede sociale nello stesso termine.

Ogni associato ha diritto a un voto esercitabile anche mediante delega apposta in calce alla convocazione.

La delega può essere conferita solamente ad altro associato che non ricopra la carica di consigliere.

Ciascun delegato non può farsi portatore di più di tre deleghe.

L’assemblea è validamente costituita e atta a deliberare qualora in prima convocazione siano presenti almeno la metà dei suoi membri.

In seconda convocazione l’assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei presenti.

L’estensione al voto si computa come voto negativo. Per le deliberazioni di scioglimento dell’associazione e di devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole dei due terzi degli aventi diritto al voto tanto in prima che in seconda convocazione.

L’assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o in caso di sua assenza o impedimento dal Vice-Presidente.

Art. 10) L’assemblea ha la facoltà di nominare una o più persone distintesi nel campo della cultura, della scienza, della tecnica, dell’economia quali Presidente o membri della Presidenza onoraria.

Il Presidente o i membri della Presidenza onoraria hanno diritto a partecipare alle assemblee della associazione con poteri consultivi ma senza diritto di voto.

Art. 11) Il Consiglio Direttivo si compone da un minimo di cinque ad un massimo di sette membri di cui tre quarti devono essere scelti fra i soci fondatori e dura in carica per un triennio.

Il Consiglio si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritiene necessario o opportuno o quando ne sia fatta richiesta da almeno tre quinti dei suoi membri. Esso delibera a maggioranza assoluta dei componenti.

Il Consiglio Direttivo dirige l’associazione, controlla l’osservanza dello Statuto, predispone entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio il bilancio preventivo e il rendiconto consuntivo annuale.

Delle riunioni del Consiglio deve essere redatto un verbale sottoscritto dal Presidente della riunione e dal Segretario nominati di volta in volta tra i partecipanti.

I verbali possono essere visionati in sede dai membri del Consiglio Direttivo.

Ai membri del Consiglio Direttivo non compete alcun compenso salvo il rimborso delle spese sostenute.

Art. 12) Le risorse finanziarie della associazione sono rappresentate:

a) dalle quote associative annuali;

b) dai contributi di persone fisiche, enti pubblici e privati;

c) dagli introiti derivanti dalle attività istituzionali, mentre il patrimonio è dato dal possesso dei beni strumentali ed eventualmente da beni immobili.

Alla associazione è fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione nonché fondi di riserva o capitale durante la vita della associazione stessa salvo che la destinazione e la distribuzione non siano imposti dalla legge.

La quota associativa o i contributi versasti non sono trasmissibili nè rivalutabili.

Nemmeno in caso di scioglimento dell’associazione nè in caso di morte, recesso o esclusione dell’associato può farsi luogo alla richiesta di rimborso di quanto versato alla associazione.

Art. 13) In caso di scioglimento, l’assemblea nomina il liquidatore che può essere anche un estraneo all’associazione.

Il residuo netto, dopo il pagamento delle eventuali passività, sarà devoluto ad associazioni od enti che perseguano finalità analoghe alla associazione indicati dall’assemblea.

F/to: Sassetti Marcello

Maria Mengacci Notaio

Registrato a Borgo S.Lorenzo il 17 Giugno 1998

ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA-RUSSIA DI FIRENZE

Logo Associazione Italia-Russia

Elenco nominativi dei componenti degli organi direttivi per il triennio 2016-2019

Presidenza onoraria:

Eugenio Giani, Consigliere Regione Toscana

Julia Bogueva, artista moscovita

Gianguido Breddo, Console onorario d'Italia a Samara (Regione del Volga/Repubblica del Tatarstan)

Prof. Sergio Luzzi, Facoltà di Ingegneria dell'Università di Firenze

Prof. Marcello Garzaniti, slavista della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Firenze

Prof.ssa Regina Makoveckaja, MGU Università Statale di Mosca

Dr. Ania Worontzow, Chiesa Russa Ortodossa di Firenze

Prof. Marcello de Angelis, musicologo dell'Università di Firenze

Maestro Mario Ruffini, direttore d'orchestra e compositore

Consiglio Direttivo:

Dr. Valeria Salvini - presidente

Dr. Gabriella Tozzetti - vicepresidente

Prof. Vitalij Atabekov - consigliere

Dr. Andrej Bliznyukov - consigliere

Dr. Sandra Chiarantini - consigliere

Alessio Menchetti - consigliere

Marcello Sassetti - consigliere

Responsabile biblioteca:

Dr. Nicolò Paoletti

Webmaster:

Roberto Naldi